Link
Calciomercato Inter, Cassano avr il n.99: "Sto nella squadra per cui tifo" -

Un sogno di calciomercato per i tifosi dell'Inter, un desiderio che si avvera per Antonio Cassano. E tutti vissero felici e contenti, almeno per ora. In attesa di qualche "cassanata" che potrebbe spezzare un amore che almeno al momento sembra destinato a durare a lungo. Cassano ci ha messo pochissimo a dimenticare i due anni in rossonero e ad abbracciare la sua nuova maglia, che poi tanto nuova non perch l'Inter stato sempre il sogno di una vita, sin da bambino. Le sue prime parole nerazzurre FantAntonio le ha riservate a Inter Channel. In attesa della presentazione ufficiale, prevista per il weekend, Cassano sorride:  “Finalmente, dopo un’eternit, sono arrivato nella squadra per cui tifo! Un saluto ai tifosi, interisti, come me!”- Ha inizio per lui una nuova avventura, con i colori nerazzurri indosso, proprio quelli che sognava da tempo. Ai microfoni di Roberto Scarpini aggiunge: “Per me molto importante questo momento – racconta -, perch quando tifi per una squadra e poi ci arrivi vuol dire raggiungere il massimo”.

NUMERO 99 – Antonio, poi, si fa concreto e svela anche il numero di maglia: “Ora il pensiero quello di partire per fare bene velocemente, gi da Pescara. Il mio numero di maglia sar il 99, a livello affettivo sono legato a questo numero. L’ho detto al dt Branca e al ds Ausilio che se fosse stato possibile avrei scelto il 99 e loro mi hanno detto che non c’era problema”.

IL PRIMO ALLENAMENTO -  Cassano ha gi avuto modo di saggiare il terreno della Pinetina. Un allenamento leggero per prendere contatto, da domani si far sul serio mentre la squadra sar impegnata in Europa League con il Vaslui. Lo hanno accolto capitan Zanetti e Wesley Sneijder suo vicino di ruolo e di casa. I due hanno mostrato particolare feeling fin dai primi istanti e durante l’ora di lavoro sui campi hanno scherzato e nel loro mirino finito Nagatomo. Gli inviat

IL TECNICO DELLE GIOVANILI " A raccontare il passato remoto di Cassano all'Inter l'allenatore delle giovanili nerazzure che intervistato da Sky ha raccontato "Cassano un giocatore importantissimo e far bene anche lui. Antonio aveva sostenuto allenamenti da noi ad undici anni era stato giudicato tecnicamente apposto. E’ stato da noi una settimana ad allenarsi come in altri settori giovanili, ma non si poteva muovere da casa per questo non lo abbiamo tesserato e poi a quattordici anni stato tesserato dal Bari”. 

            

Agente Pereira conferma trattativa, nerazzurri scatenati -

Ore convulse nel calciomercato dell'Inter, non si ferma la corazzata nerazzurra che dopo i colpi Cassano e Gargano prossima a chiudere anche per Alvaro Pereira. Alla faccia dell'immobilismo sul mercato, Moratti si fa un baffo delle critiche sulla politica al risparmio e sulle parole di chi condannava la campagna acquisti nerazzurra. Un, due-tre, in due giorni l'Inter cambia faccia. Rivoltata quasi come un calzino ed arricchita di campioni per dare a Stramaccioni quanto serve per lottare per lo scudetto. Un colpo dietro l'altro: neanche il tempo di metabolizzare lo scambio Cassano-Pazzini, con FantAntonio che gi si allena alla Pinetina che ecco sbarcare Gargano a Linate con un bagaglio pieno di rivincite nei confronti del Napoli. Sistemati attacco e centrocampo " ma chiss che non arrivi anche qualche altro colpo " l'Inter pronta ad affondare il colpo anche per l'esterno e sta definendo l'acquisto di Alvaro Pereira.

PARLA L'AGENTE " La trattativa con il Porto in dirittura di arrivo. L'agente di Alvaro Pereira, Flavio Perchman, non si sbilancia ma fa capire che per l'addio al Porto questione di poco:  "E’ il Porto che sta portando avanti la trattativa. Quando troveranno un’intesa tra club, vedremo la questione del contratto. Non so con quali club sta trattando il Porto ma l’Italia certamente una possibilit”, ha detto Perchman, con ovvio riferimento all’Inter. S perch sul giocatore c'era anche il Napoli ma il club azzurro si tirato fuori. Ieri si era sparsa una voce che Alvaro Pereira fosse ad Ischia in compagnia del difensore del Napoli Fernandez ma si trattava solo di un'incredibile somiglianza. Pereira si trova ancora in Portogallo ma continua ad allenarsi a parte. Sono i suoi ultimi giorni al Porto, dove sta vivendo da separato in casa in attesa della cessione..

GLI SVILUPPI " La trattativa decollata nei giorni scorsi, l'Inter ha sbaragliato la concorrenza offrendo 11 milioni pi bonus al club portoghese e garantendo che non avrebbe effettuato manovre di disturbo per l'altro gioiello del club lusitano, ovvero Fernando, che pure piaceva a Moratti. Con l'arrivo di Gargano, infatti, il centrocampo nerazzurro a posto. L'unico obiettivo della dirigenza nerazzurra ora Pereira e su queste basi l'accordo stato praticamente trovato. Questione di ore, al massimo qualche giorno, e arriver anche la firma su un contratto triennale.

MADE IN URUGUAY " Si profila pertanto un'Inter a trazione uruguayana con Alvaro Pereira che va ad aggiungersi a Gargano. Vecchia la passione di Moratti per gli uruguagi, basti pensare a Recoba senza voler andare troppo indietro nel tempo. Con Alvaro Pereira Stramaccioni ha risolto ora il problema degli esterni, potendo contare anche su Zanetti e Nagatomo che possono giocare a destra. Un'accelerata clamorosa sul mercato da parte dell'Inter che ha rotto gli indugi: non ha pi aspettato di vendere Maicon e di sistemare la questione Julio Cesar ma ha deciso di investire subito per non perdere altro tempo. L'immobilismo non appartiene del resto allo stile-Moratti.

            

Calciomercato Inter, Gargano a Milano: "L’Inter mi ha voluto a ogni costo" -

Chi non lo conosce pu pensare che Walter Gargano non sia un top-player ma nel calciomercato dell'Inter l'acquisto dell'uruguayano si pu considerare come un colpo vero e proprio. Il giocatore sbarcato da pochi minuti a Linate e, prima di recarsi a sostenere le visite mediche, ha avuto modo di rilasciare le sue prime brevi dichiarazioni da giocatore dell'Inter. Intervistato da Sky ha avuto il suo primo pensiero per il Napoli, dove ha giocato cinque anni: “Sar sempre legato a Napoli, ho giocato a lungo l e a Napoli sono nati i miei due figli”.

VOGLIA NERAZZURRA " Per spiegare il perch di un divorzio che lascer i tifosi napoletani con tanto amaro in bocca per ora Gargano si limitato a dire poco, la sua verit la si sapr pi in l: "L’Inter mi ha cercato fortemente". Meglio parlare allora di Cassano e sul talento barese il centrocampista sudamericano usa parole entusiaste: "E’ senza paragoni! E’ una brava persona prima di tutto e poi un bravo giocatore. L’ho conosciuto fuori dal campo e posso affermarlo tranquillamente”.

ADDIO MIA BELLA NAPOLI " Inizia quindi una nuova avventura per El Mota, come lo chiamano da sempre, da quando era piccolo. L'Inter la sua nuova famiglia, Napoli quella vecchia che lascia non senza qualche remora e rimpianto. Innanzitutto perch l ci gioca il cognato Hamsik: legatissimo Gargano allo slovacco, non solo ne ha sposato la sorella dalla quale ha avuto due bambini ma con Marekiaro si era creato un feeling importante in campo e fuori. Decisivi i dissidi con il presidente De Laurentiis. Ai ferri corti era arrivato il giocatore con il presidente del Napoli. Non solo per una questione economica. Il Napoli aveva rifiutato di ritoccargli l'inaggio e tentennava sul prolungamento di contratto, una strategia opposta a quella riservata agli altri giocatori importanti, da Cavani allo stesso Hamsik. Di fondo c'era una incompatibilit venuta sempre pi a galla con la dirigenza. Questione di carattere, come ammise nel ritiro di Dimaro un mese fa De Laurentiis: "Abbiamo tutti e due una forte personalit, siamo due persone di carattere e per questo spesso ci scontriamo ma Gargano fa parte della famiglia". Faceva. Da oggi un giocatore dell'Inter e far la fortuna di Stramaccioni. Il tecnico nerazzurro lo ha apprezzato l'anno scorso e lo ha richiesto fortemente: con lui ci sar una mediana di ferro assieme a Guarin. Chiaro il ruolo che dovr avere Gargano: rubare palloni e smistarli per i tanti piedi buoni di casa Inter, da Cassano a Sneijder. Un motorino inesauribile Gargano, in campo corre per tre. Tende a volte a strafare per generosit ma non molla mai. Un mastino tutto polmoni e grinta e non inganni la statura bassa. In campo un gigante. Gi lo rimpiangono a Napoli, i compagni soprattutto. Era una garanzia el Mota, sapevi sempre che ad ogni errore c'era Gargano pronto a mettere una toppa, a inseguire l'avversario, a raddoppiare. Ora se lo gode l'Inter che ha fatto un colpo da maestro anche alla luce della cifra spesa. Il giocatore, che fimer un contratto quadriennale a 1,5 milioni annui, stato preso con la formula del prestito oneroso: 1,5 milioni subito ed altri 5 nel prossimo triennio. Non chiamatelo top-player, se volete. Ma Gargano sempre meglio averlo in squadra, che contro.

Moratti dar a Cassano pi soldi per ogni rigore procurato -

Come giocher, con chi legher in campo o con chi litigher il colpo grosso del calciomercato dell'Inter lo scopriremo in seguito ma intanto emergono nuovi particolari sul contratto che legher Antonio Cassano ai nerazzurri. Particolare la clausola dei bonus: Moratti garantir aumenti graduali legati non solo ai gol o a gli assist di FantAntonio ma anche ai rigori che il barese procurer. Una finezza del suo procuratore che ha discusso ieri i dettagli dello stipendio del suo assistito con Rinaldo Ghelfi. Non pi, se mai lo fosse stato, un attaccante da doppia cifra Cassano.

ASSIST E RIGORI – Bomber non lo era neanche da ragazzino ma col tempo ha affinato il gusto per gli assist, le giocate al servizio della squadra e si sempre distinto per provocare rigori. Giusto quindi che i bonus sul suo contratto siano legati non solo alle reti che portano la sua firma ma anche a quelle che fa fare, con passaggi o procurando appunto i penalty. In questo sicuramente cambiato Cassano, non egoista. Si ricorderanno le sue parole agli Europei: "Ai gol ci penser qualcun altro, io sono felice se riesco a fare assist". E se ne aspettano tanti Milito, Palacio e Sneijder.

SPONSOR OLANDESE – Gi, l'olandese il suo vicino di casa ed stato tra gli sponsor principali dell'operazione scambio con Pazzini. Sarebbe stato Sneijder a spingere, assieme a Stramaccioni che da sempre un fan di Cassano " imitazioni a parte " la dirigenza a compiere il passo decisivo pur di giocare assieme al barese. Ragioni tattiche, cio il modulo ad albero di Natale che l'olandese predilige e che potrebbe essere adotatto dal tecnico, ma anche di profonda stima calcistica. Di carattere no, restano diversi, ma in campo l'intesa sembra assicurata. Assicurato non sarebbe il posto da titolare per per Cassano. Niente di personale, sia chiaro. Stramaccioni gli avrebbe parlato chiaro: "Vieni e ti giochi il posto con gli altri,ma a parit di condizioni parti un gradino pi avanti". Nessun problema, anche perch al Milan forse sarebbe stato il contrario: restare, giocarsi il posto con gli altri ma a parit di condizioni ci sarebbe stato qualcuno un gradino pi avanti, sia esso Pato o Robinho. E poi come si fa a dire no alla squadra del cuore? Tifava Inter il Cassano-bambino, si chamava Pro Inter Bari la sua squadra giovanile ed ora si chiude un cerchio. E se si chiude anche qualche assist in pi e si procura qualche rigore, sono anche quattrini che entrano"

                                           

 

 

 

 

 

 

Calciomercato Inter, tutte le trattative del 21 agosto 2012: attenzione a Lucas Biglia dell’Anderlecht -

Inter letteralmente scatenata sul fronte del calciomercato. Dopo aver chiuso l’affare Cassano, Moratti non ha intenzione di fermarsi ma vuole continuare a rinforzare la rosa interista. In particolare sono due i reparti che hanno bisogno ancora di un ritocco: il centrocampo, dove ci sar un innesto sicuro, e forse due, e la difesa, da blindare con un terzino di spinta.

BIGLIA. La trattativa per il forte centrocampista dell’Anderlecht sarebbe in fase avanza da quanto scrivono in Belgio. Potrebbe essere dunque il talentuoso mediano argentino, classe 1986, il rinforzo tanto richiesto da Stramaccioni. Biglia un regista basso, tecnico, dotato di ottima visione di gioco, ma anche in grado di contrastare adeguatamente. Insomma si tratta di una sorta di Mascherano, meno fisico ma con una maggiore abilit in fase di impostazione. Il suo cartellino non ha un costo proibitivo: con 7-8 milioni di euro, Biglia potrebbe diventare nerazzurro.

CIRIGLIANO. Lo abbiamo anticipato ieri, il centrocampista del River Plate interessa sia all’Inter, sia al Napoli, e le sue sorti potrebbero essere legate a doppio filo con la questione relative a Gargano, che in queste ore pare molto vicino all’Inter. Branca potrebbe decidere di muoversi su Cirigliano, girandolo poi agli azzurri proprio per Gargano, oppure lasciarlo direttamente a De Laurentiis, ottenendo in cambio per il prestito il motorino della mediana di Mazzarri.

DANI ALVES. Arriva direttamente da Barcellona l’indiscrezione che vuole i nerazzurri interessanti al laterale del Barcellona qualora la cessione di Maicon andasse in porto. Il Barca non considera pi incedibile Alves, che son 10 milioni di euro, ovvero praticamente l’incasso ottenuto dalla cessione di Pazzini, pu diventare un giocatore dell’Inter. Molto dipender anche dal futuro del brasiliano, in bilico tra Juventus e Real Madrid.

PEREIRA. Il laterale mancini del Porto a un passo. Stramaccioni ha sempre chiesto un laterale per la fascia mancini, che potesse si offendere, sia in caso di necessit essere spostato sulla linea dei difensori. Per questo Pereira il giocatore ideale per i nerazzurri, grazie sopratutto alla sua grande duttilit tattica che gli permette di svolgere pi ruoli con grande capacit. Branca ha offerto al club portoghese 13 milioni di euro, e ora in attesa di una risposta, ma la sensazione che a breve si avr la fumata bianca.

AOGO. Resta possibile la pista che porta al laterale tedesco in forza all’Amburgo. Questo quello che rivelato oggi Gordon Stipic, agente del giocatore, come riporta Tuttomercatoweb: “Onestamente non ho avuto contatti con l’Inter per Aogo, una notizia che ovviamente fa piacere, i nerazzurri sono una grande squadra. Ci sono probabilit che possa giocare in Italia, al giocatore piacerebbe misurarsi con il campionato italiano. Nei prossimi giorni potrebbero cambiare alcune cose“.

CASSANO. Una grande operazione. Promosso a ogni livello l’affare dell’Inter, che ha avuto dal Milan Cassano in cambio di Pazzini pi un lauto conguaglio economico. Valuta positivamente la trattativa anche Gianluca Rossi, giornalista di Telelombardia: “Pazzini per Cassano pi 7.5 milioni, pi ci penso e pi mi sembra una grande operazione. Pazzini me lo sarei tenuto volentieri, ma come se l’Inter non lo avesse pi. Se Cassano poi non giocher mai, ci si potr consolare con 7.5 milioni, che nel mercato di oggi sono tanti“.

 

A.Bandini – .it

Alvaro Pereira a un passo, nasce l'Inter uruguayana -

Si sta delineando sul modello Uruguay la nuova Inter a giudicare dagli ultimi colpi di calciomercato. Sono ore decisive infatti per la chiusura di due trattative che darebbero sostanza, corsa e qualit al club nerazzurro. In dirittura d'arrivo sia la vicenda-Alvaro Pereira che la questione-Gargano. Anche il portale portoghese O Jogo, molto vicino al Porto, d per fatta l'operazione. L'esterno sinistro che piaceva anche al Napoli ormai un separato in casa nel Porto. Continua ad allenarsi a parte ed aspetta solo l'ok per la cessione che ormai a un passo. L'Inter ha sbaragliato la concorrenza, ha trovato l'accordo con il giocatore e sta definendo gli ultimi dettagli con il Porto. Decisiva anche la mossa di Moratti che ha deciso di non disturbare il club lusitano sull'altro oggetto dei desideri di Stramaccioni, ovvero Fernando. Con la promessa di non tentare il centrocampista c' stato il via libera su Alvaro Pereira ed ormai siamo alle battute conclusive. Al Porto andranno circa 11 milioni di euro pi bonus, in settimana ci sar l'ufficializzazione che consentir all'Inter di risolvere il problema della fascia sinistra. Con Pereira Stramaccioni avr un giocatore duttile, che all'occorrenza potr schierare anche come esterno alto sulla fascia ma soprattutto un giocatore dotato di corsa e qualit. Con l'arrivo del portoghese sarebbe risolto anche il problema dell'erede di Maicon, potendo disporre il tecnico dell'Inter di Zanetti e Nagatomo che possono essere utilizzati su entrambe le fasce. Facile immaginare che Zanetti possa diventare il titolare a destra con Pereira a sinistra e Nagatomo jolly pronto per l'uso. Dovr prendere appunti dal ct dell'Uruguay Tabarez, del resto, Stramaccioni visto che la sua Inter si sta rafforzando proprio con i gioielli della nazionale celeste. Anche Gargano infatti fa parte del giro della nazionale uruguayana: ieri il suo agente ha incontrato Branca ed anche nel suo caso siamo ormai ai dettagli per il trasferimento all'Inter. Tra Moratti e De Laurentiis i rapporti sono ottimi, nessuno sgarbo al collega del Napoli: il presidente nerazzurro ha avuto l'ok a trattare con gli agenti del mediano sudamericano ed ha trovato anche l'intesa con il patron azzurro. Gargano arriver con la formula del prestito oneroso: 2 milioni di euro subito ed altri 6 spalmati per i prossimi tre anni. Gargano sar l'asse portante della mediana assieme a Guarin, con Mudingayi pronto a subentrare all'occorrenza.

" .it                                   

 

Calciomercato Inter, Zanetti: "Accoglieremo Cassano come un campione" -

Il benvenuto ufficiale per il nuovo colpo di calciomercato dell'Inter glielo dar il presidente Moratti che per ora si lasciato scappare solo una frase: "A chi non piace un giocatore come Cassano?" detta a mezza bocca fuori dagli uffici della Saras ma ha quasi lo stesso valore del saluto che gli fa il capitano Zanetti. L'argentino intervistato da Sky, ha parlato del talento barese, di Stramaccioni, dei nuovi acquisti e degli obiettivi stagionali. Per FantAntonio, che andr ad arricchire il parco-qualit dell'Inter, c' subito una mano tesa: “Un grandissimo campione che viene a rinforzare un gruppo che ha grande voglia di fare bene. E’ un ragazzo che conosciamo bene, sappiamo il giocatore che ed divertente e speriamo di poter lottare per grandi traguardi Qui trover un gruppo pronto ad aiutarlo e ad accoglierlo come un grande campione, come merita. Dobbiamo fare in modo che l’Inter torni ad essere protagonista e far divertire i nostri tifosi”. Per farlo serve Cassano ma Zanetti convinto anche dell'apporto di Stramaccioni e dei gol di Palacio: “Palacio si ambientato benissimo e gi in queste partite. Stramaccioni l’avevamo gi conosciuto e adesso che ci conosciamo meglio posso dire che siamo di fronte ad un allenatore con grande entusiasmo che vuole far funzionare l’Inter alla grande”.  Il capitano nerazzurro pronto a festeggiare il record delle 800 presenze con la maglia interista: "Sono contento di questo traguardo. Quando feci la mia partita nell’Inter non pensai che sarei arrivato a ottocento e questo mi riempe di orgoglio. Sono state partite capitate in diversi momenti, ma le ho fatte con una grande squadra che per me sempre stata anche una famiglia“. Tanti i ricordi da conservare in questi anni: “Sono vari momenti, ma te ne dico due: la notte prima di arrivare all’Inter. Avevo visto San Siro da talmente lontano che sapere che avrei giocato l non mi fece dormire. E poi c’ la notte prima della finale di Champions, un traguardo che aspettavamo da tanto tempo e poi arrivato, credo sia indimenticabile”. Per la nuova stagione Zanetti ottimista: “Un progetto nuovo con tanti giovani, con tanti giocatori di esperienza, ma vogliamo riscattarci dall’ultima stagione e dividiamo l’ambiente con grande entusiasmo. Aspettiamo le partite che contano per dimostrare che ci siamo”. Per l'argentino la Juve la favorita per lo scudetto: “Dobbiamo cercare di essere protagonisti e arrivare a lottare per qualcosa di importante. La Juventus la squadra da battere perch hanno vinto il campionato, hanno cambiato hanno forza e consapevolezza nei propri mezzi. Vedo bene la Roma perch ha preso Zeman, mister intelligente che ha cambiato questo ambiente e far di tutto per tornare al successo. C’ il Milan e c’ il Napoli che ha lottato per cose importanti”. 

" .it                                   

 

Pista Paulinho riaperta, pu arrivare a gennaio -

Che l'Inter si sia rassegnata sul calciomercato a prendere un giocatore brasiliano per rafforzare la squadra una mezza verit. Il club nerazzurro ha provato con tutte le proprie forze a prendere Lucas ma si dovuto arrendere allo strapotere economico del Paris Saint Germain ma non ha ancora deposto le armi per l'altro obiettivo, ovvero Paulinho. Nessuno riuscito a strappare il centrocampista al Corinthians che ha rinnovato il contratto al suo gioiello fino al 2015 ma la trattativa ancora aperta. Nel suo viaggio in Brasile, apparentemente inutile, il dt Branca ha in realt allacciato rapporti importanti specialmente con l'entourage del giocatore che non ha assolutamente escluso di venire a giocare in Europa in futuro. Se dunque per il presente l'Inter non pu arrivare al giocatore, l'obiettivo quello di bloccarlo per il futuro ma un futuro che potrebbe distare anche solo pochi mesi. A frenare la trattativa dopo l'aspro tira e molla con il Corinthians era stata soprattutto l'asta al rialzo continua del club brasiliano che ha cercato di monetizzare al massimo la cessione del suo giocatore. Sia Paulinho che il Corinthians volevano e vogliono giocare il Mondiale per club, un appuntamento sentitissimo per rinunciare al quale sarebbe occorso un notevole sacrificio da parte dell'Inter. Ecco dunque la strategia: consentire al giocatore di partecipare all'evento, in programma a dicembre, e portare Paulinho all'Inter alla riapertura delle liste, a gennaio durante la finestra invernale del mercato. All'entourage del giocatore, che si divide tra procuratori e la societ Audax che detiene il 45% del cartellino del giocatore, il modo di approcciare di Ausilio e Branca piaciuto come ha confermato Thiago Scuro responsabile dell'Audax: «Tutti gli uomini dellInter che hanno lavorato a questa trattativa sono stati trasparenti e corretti, professionisti esemplari. Speriamo di poter trattare nuovamente in futuro, ma per adesso, Paulinho resta al Corinthians». L'idea di Moratti di tornare alla carica in questi giorni per strappare il s del giocatore per gennaio, dopo il Mondiale per club. Proprio per questo motivo, l'Inter ha intenzione di lasciar libero un posto di extracomunitario, onde tenersi aperta una porta per lo sbarco in Italia di un giocatore che, secondo i responsabili dell'area tecnica nerazzurra, ha tutto per diventare architrave della rifondazione. Stramaccioni starebbe studiando gi due Inter, una pronta da subito e l'altra che cambierebbe volto a gennaio con l'aggiunta del talento brasiliano.

" .it                                   

 

Maicon ricorre all'articolo 17 per andare al Real Madrid -

Una voce clamorosa che arriva dalla Spagna scuote il calciomercato dell'Inter. Pur di andar via dai nerazzurri Maicon sarebbe disposto a ricorrere all'articolo 17 per svincolarsi e poter andare al Real Madrid senza gravare troppo sulle casse delle merengues che alle cifre richieste da Moratti non sono disposte a rilevare il brasiliano. Lo scrive il portale spagnolo As che sottolinea come il giocatore sia disposto a tutto pur di coronare il sogno di tornare a giocare con Mourinho. Il balletto sulla sua cessione dura da due mesi e nonostante i club che si erano detti disposti a trattare siano la crema del calcio europeo " anche Chelsea e Manchester City avevano fatto un pensierino a Maicon " l'affare non si mai chiuso. Ad oggi l'esterno destro, giudicato da Stramaccioni il migliore al mondo nel suo ruolo non pi tardi di due giorni fa, dopo l'ultima amichevole dei nerazzurri in cui Maicon ha giocato da protagonista, ancora dell'Inter. Maicon per scalpita per essere lasciato libero ed ha capito che alle somme richieste da Moratti difficilmente il Real, il suo grande sogno, lo prender. Gli agenti del brasiliano stanno cercando di forzare la mano e pressano la dirigenza dei blancos per prendere in considerazione le varie ipotesi: il giocatore viene proposto un giorno s e l'altro anche a Florentino Perez ma la trattativa non si sblocca e mancano ormai pochi giorni alla chiusura del mercato. Da qui la possibile rottura con l'Inter: Maicon potrebbe ricorrere all'articolo 17, quella soluzione consentita dalla Fifa a chi ha pi di 27 anni e gioca da pi di cinque anni nello stesso paese, di rompere unilateralmente il contratto e mettersi sul mercato a una cifra di indennizzo largamente inferiore al valore di mercato. In sostanza Maicon si potrebbe acquistare a 2 milioni di euro anzich agli 8 richiesti dall'Inter, il che per presuppone lo scontro diretto tra il giocatore e la societ. Pur di andare al Real Maicon sarebbe disposto a rinegoziare il suo ingaggio: il giocatore attualmente percepisce 4,5 milioni annui ed ha un contratto che scade nel giugno del 2013: se dovesse ottenere il via libera dall'Inter accetterebbe dal club spagnolo un triennale a 3 milioni l'anno. Appare difficile da credere che dopo tanti anni insieme, tanti trionfi e tante soddisfazioni tra l'Inter e Maicon si possa arrivare a tanto ma le vie del mercato sono infinite tanto quanto la voglia di Madrid del giocatore. In settimana ci saranno nuovi sviluppi ma l'impressione che la "guerra" tra l'esterno brasiliano e la societ nerazzurra possa davvero scoppiare.

" .it                                   

 

 

Calciomercato Inter, formazione 2012-2013: Cirigliano alla Mascherano, Pereira sulla sinistra -

Inizio settimana caldissimo per il calciomercato dell’Inter. Marco Branca al lavoro su diversi tavoli di trattative, perch ormai il tempo stringe e i nerazzurri hanno bisogno di almeno Altre due pedine per completare l’undici titolare a disposizione di Stramaccioni. Ma dopo giorni di voci e attese, oggi finalmente il mercato dell’Inter entrato nel vivo. Si cerca sopratutto un mediano difensivo e un attaccante, anche se non bisogna sottovalutare anche il ruolo di terzino destro. Ecco dunque i principali obiettivi dell’Inter e come si potrebbero inserire nello schieramento di Stramaccioni.

CIRIGLIANO. A sorpresa l’Inter si starebbe inserendo nella trattativa gi aperta dal Napoli per il talentuoso mediano del River Plate. Ezequiel Adrin Cirigliano e un regista basso, elegante e robusto, di appena 20 anni ( un classe 1992), ma di grande prospettiva. In patria considerato l’erede naturale di Mascherano, e l’Inter, che alla ricerca di un giocatore proprio di quelle caratteristiche, ci sta pensando. Costo dell’operazione circa 7 milioni di euro, per una scommessa che potrebbe rivelarsi un vero colpo di calciomercato.

ALVARO PEREIRA. E’ l’esterno sinistro tanto richiesto da Stramaccioni. L’allenatore romano vuole infatti un giocatore duttile che possa essere usato a centrocampo sia come mezzala, sia come esterno offensivo di sinistra. Pereira sarebbe il giocatore perfetto per queste richieste, e l’unico scoglio infatti determinato dal costo del cartellino. L’Inter finora ha offerto 8 milioni di euro, il Porto ne ha chiesti 10. Ma la trattativa vicina a chiudersi.

FERNANDO. Non escluso comunque che Branca provi il doppio colpo. Stramaccioni infatti stravede anche per Fernando, mediano sempre del Porto. E’ inseguito da un mese dall’Inter ma il club andaluso non mai sceso di un euro dalla richiesta iniziale di 15 milioni di euro. Contrattare con il Porto si sa, durissima, ma l’Inter ha dalla sua una carta che potrebbe essere appetibile, ovvero Ricky Alvarez. Gi nella scorsa settimana si era parlato del possibile inserimento nella trattativa del fantasista argentino, che farebbe notevolmente abbassare il costo dell’operazione.

AOGO. Terzino sinistro dell’Amburgo, sar lui l’erede di Maicon, sempre pi vicino al Chelsea. E’ ancora molto giovane, avendo appena 25 anni, ma gi in possesso di una discreta esperienza internazionale. Gran fisico, velocit di punta elevata, ottimo dinamismo: Aogo un laterale di ottima prospettiva e dal costo non impegnativo. Il club tedesco infatti disponibile a lasciarlo partire per una cifra vicina ai 7 milioni di euro, che l’Inter recuperer dalla cessione di Maicon.

CASSANO. Vicinissimo a vestire la casacca nerazzurra, Antonio Cassano il grande colpo dell’estate dell’Inter. A confermarlo stato anche Dolcetti, tecnico della primavera dal Milan, a SkySport: “Cassano? Le cose si stanno muovendo, le motivazioni sono fondamentali nel calcio. Adesso fino al 31 agosto pu succedere qualcosa. Penso che nell’estate il Milan ha cambiato, per dovere e per volere. Poi tutti ricordano quel primo splendido gol di Cassano all’Inter“. Arriver probabilmente in cambio di Pazzini pi un conguaglio stimabili intorno ai 5 milioni di euro. Nell’idea di Stramaccioni infatti Milito, unica punta, sar affiancato dalla genialit e dal talento di Sneijder e proprio del barese, che con i suoi strepitosi assist sar il perfetto partner offensivo dell’argentino.

SAHIN. Si sta allontanando il centrocampista del Real. Il mediano turco infatti vicinissimo al Tottenham, che lo avr come contropartita in cambio di Modric. Sahin stato a lungo seguito da Branca, ma l’affare sempre sembrato molto difficile, vista anche l’intenzione di Mourinho di usarlo nella trattativa per il fantasista croato. Stessa sorte anche per Gargano, che se pure resta sul mercato (De Laurentiis lo valuta circa 8 milioni di euro), difficilmente rientrer nei piani di Massimo Moratti.

La formazione che potrebbe dunque schierare Stramaccioni nella prossima stagione sarebbe dunque un fantasioso 4-2-3-1, tutto velocit e dinamismo, ma con una qualit in attacco unica nel campionato italiano. Davanti ad Handanovic giocheranno infatti Samuel e Silvestre, che stanno acquisendo sempre maggiore confidenza tra loro, mentre a sinistra sar confermato Nagatomo, e a destra Maicon sar sostituito da Aogo. Davanti alla mediana giocher Guarin, corridore dai piedi educati, sostenuto da Cirigliano, che potr maturare grazie al supporto del suoi connazionali Cambiasso e Zanetti. Sulla trequarti agir Sneijder, vero regista offensivo dell’unidici di Stramaccioni, supportato a sinistra da Pareira e a destra da Cassano, leggermente pi avanzato a supporto dell’unica punta Diego Milito, che si alterner con Palacio.

Ecco dunque la formazione dell’Inter della stagione 2012/2013:

INTER(4-2-3-1):
Handanovic;AOGO,Samuel,Silvestre,Nagatomo;Guarin,CIRIGLIANO;PEREIRA,Sneijder,CASSANO;Milito

 

A.Bandini – .it

Articoli